sedie ufficio

Sedie ufficio: è davvero così difficile la scelta?

Tutti quelli che aprono un nuovo ufficio in qualsiasi tipo di costruzione sia, hanno il comune problema di doverlo arredare e spesso, per non spendere budget in più, non si affidano a un professionista ma decidono di arredare da soli. Vediamo un po’ se è davvero così difficile scegliere l’arredamento e le sedie ufficio per il proprio locale. Quando si è alla prima esperienza lavorativa si cerca di far colpo sui propri potenziali clienti non solo attraverso la propria esperienze e bravura nell’esercizio della propria professione, ma anche dallo stile dell’arredamento del proprio ufficio. Anche l’occhio vuole la sua parte, si sa, per questo se si è furbi si cerca di arredare l’ufficio sia per compiacere se stessi che per attirare l’occhio della clientela.

Ovviamente una volta decisi i colori e lo stile dell’arredo, non resta altro che acquistare e montare tutto, eppure è possibile che ci si rende conto che le scrivanie e le sedie ufficio non combaciano: com’è possibile? Facendo da sé è normale trovare dei pezzi d’arredo che poco hanno a che fare l’uno con l’altro, ma le sedie ufficio sono un complemento che deve risultare comodo per chi lavora in quell’ufficio prima di tutto e non tutti sanno che le sedie sono o dovrebbero almeno tutelare il benessere psicofisico del corpo per cui è preferibile che al momento della scelta delle sedie ufficio si opti per dei modelli che permettano di svolgere il proprio lavoro seduti comodamente e senza provare alcun tipo di sforzo o fatica, come potrebbe accadere con certe sedute.

A causare i problemi legati all’assunzione di una cattiva postura sono proprio le sedie ufficio e questo provoca un’insoddisfazione durante il lavoro e la stessa voglia di lavorare può venire meno se non si sta seduti comodi. Ciò significa che se non si sistemano alle scrivanie delle sedie ufficio realmente comode sulle quali i dipendenti possono eseguire le proprie mansioni in tutta serenità e comodità, si potrebbe rovinare l’atmosfera creata a lavoro. Chi decide di arredare da solo il proprio ufficio potrebbe incorrere nell’errore di accoppiare sedie e scrivanie in modo non corretto e ciò in pratica si traduce nel non permettere a se stessi e anche ad eventuali dipendenti, di stare comodi a lavoro rischiando di assumere una postura scorretta e di affaticare la schiena anche se si è seduti.

Come scegliere le sedie

Sul posto di lavoro bisogna garantire un ambiente in cui viga il benessere per cui le sedie ufficio non vanno scelte in base alla marca, al colore, allo stile se non risultano effettivamente comode una volta accoppiate alle rispettive scrivanie: arredare l’ufficio con sedie ergonomiche, che riescano a salvaguardare la postura della schiena prevenendone l’insorgere di dolori alla cervicale, è la prima regola da rispettare. Infatti, il corpo umano anche e soprattutto a lavoro non dovrebbe risultare affaticato da un lavoro che si svolge in modo sedentario, e ciò lo permette anche la sedia di cui è dotata la scrivania su cui si lavora perché la sua altezza rispetto a quest’ultima dovrebbe permettere al corpo di non piegarsi in avanti creando una sorta di gobba con la schiena ma di assumere una corretta posizione eretta.